I Film in tasca – il cinema per imparare a crescere- corso gratuito CIDI

  Corso di formazione gratuito in collaborazione con il CIDI di Torino

I FILM IN TASCA

il cinema per imparare e crescere

 

 

Il corso propone un percorso di formazione rivolto alle insegnanti di scuola dell’infanzia e delle
primarie finalizzato alla scoperta dell’impiego dei film nella didattica.

OBIETTIVI

Sviluppare competenze nella scelta e nell’accompagnamento alla visione dei film
in sezione e in classe. Come favorire la comprensione e la discussione cogliendo gli stimoli
offerti dalla visione

PROGRAMMA

Perché la visione dei film a scuola.

Quali sono i criteri per una buona scelta: i temi, la struttura narrativa e gli elementi di stile

Come progettare dei percorsi di film education all’interno della scuola a partire dalle esigenze
specifiche degli insegnanti, con una attenzione particolare alla convergenza tra linguaggi
diversi

 

 

DESTINATARI

Docenti di scuole dell’infanzia e primarie

Direttore Responsabile UMBERTO MOSCA

 

QUANDO

n. 23 incontri: mercoledì 28 novembre e 5 dicembre

dalle 17 alle 19

 

DOVE

Presso il CIDI Centro di iniziativa democratica degli insegnanti

Via Maria Ausiliatrice, 45 Torino

QUANTO

Ingresso gratuito

Apertura iscrizioni da  dicembre 2018  a   gennaio 2018

[per informazioni contattateci all’indirizzo ciditorino.mail@gmail.com,  info@babelica.it ]


Il Centro di Iniziativa Democratica degli Insegnanti è un’associazione di insegnanti di tutti gli ordini di scuola e di tutte le discipline: ha la finalità di favorire l’affermarsi di una professionalità docente aperta alle esigenze del rinnovamento continuo della scuola, di una scuola che sia luogo di crescita culturale e di confronto, esercizio di democrazia attiva. A tale scopo promuove: ricerca didattica in ogni ambito disciplinare; iniziative di aggiornamento (convegni, seminari, corsi) e di formazione in servizio; dibattiti e confronti sui vari temi – culturali, contrattuali e politici – che hanno ricaduta a livello professionale; pubblicazioni varie, sia a livello nazionale (Insegnare, mensile del Centro, volumi e quaderni) sia a livello territoriale (giornali, riviste, bollettini informativi).
L’obiettivo prioritario è quello di contribuire a realizzare una scuola più democratica, più attrezzata culturalmente, più vicina agli interessi di ragazze e ragazzi. E’ un centro in cui confluisce chi vuole, in cui si cresce professionalmente nel confronto continuo delle diverse posizioni culturali e ideali. In una visione sempre unitaria del processo formativo, affrontando i problemi senza settarismi, preconcetti, condizionamenti.
E’ attento a tutti i problemi della scuola senza voler essere sindacato o partito, senza voler invadere terreni non suoi: la sua unica forza è quella di avere radici reali nella scuola. Definisce la propria iniziativa democratica perché è convinto che considerare la cultura uno strumento di emancipazione e di libertà sia un preciso mandato istituzione (art. 3 della Costituzione).
Il CIDI attraverso un’azione capillare e democratica dà voce agli insegnanti, ai genitori, agli studenti relativamente alle aspettative e al futuro della scuola, si fa portavoce delle urgenti e necessarie trasformazioni rispetto al progetto educativo, alla crescita della cultura per tutti, alla centralità della scuola per lo sviluppo della società.
Il CIDI di Torino rivolge e propone ai docenti piemontesi iniziative di formazione, aggiornamento, dibattiti, convegni relativi alle problematiche che caratterizzano la scuola di oggi.

UMBERTO MOSCA

è un Media Educator che progetta e conduce percorsi didattici e formativi sull’utilizzo del cinema e del prodotto audiovisivo negli ambiti film literacy, audience building e media training. Professore a contratto presso il Dipartimento di Management dell’Università di Torino, è Direttore del Master in Management della Produzione Audiovisiva.
Fondatore, con la psicologa Martina Zilio, del Centro Studi Psicologia Immagine, che si occupa dei rapporti tra l’immagine filmica e i processi di formazione della persona.
Da venticinque anni lavora con l’AIACE di Torino, per cui progetta e conduce corsi di analisi del film. Selezionatore dei concorsi e curatore dei laboratori didattici di Sottodiciotto Film Festival; è direttore artistico di MyGeneration Festival, dedicato ai video indipendenti prodotti in Italia (music video, web series, video blog).
Giornalista pubblicista e critico cinematografico (SNCCI-Gruppo Piemonte e Valle d’Aosta), è autore di volumi iconografici sui registi François Truffaut, Sam Peckinpah, Jim Jarmusch, Mohsen Makhmalbaf, Paolo Gobetti. Ha pubblicato inoltre “Gioventù catodica”, “Cinema e Rock”, “Orizzonti della Media Literacy””. Ha collaborato con “Cineforum”, “Duellanti”, “Panoramiques”, “Rockerilla” e “L’Indice dei Libri del Mese “.

Domande frequenti

Posso iscrivere mio figlio a qualsiasi settimana?
Si, ogni settimana presenta un programma autoconclusivo che permette ai ragazzi di apprendere le principali tecniche legate ai singoli argomenti. 

Posso iscrivere mio/a figlio/a alla prima settimana e decidere in corsa se farlo continuare?
Certo, ma non potrai usufruire dello sconto per iscrizione a più settimane (a meno che tu non decida di iscriverlo a un minimo di altre 2, dovrai comunicarci la volontà a continuare almeno entro il giovedì precedente.

E’ indispensabile essere in possesso di dispositivo mobile?
No, i ragazzi lavoreranno in gruppo su tablet messi a disposizione dall’associazione. L’eventuale smartphone o tablet di proprietà potrà essere impiegato per produrre ulteriori video rispetto a quello previsto dall’attività di gruppo.

Mio figlio ha un’allergia alimentare, come posso fare?
In caso di allergie o intolleranze è indispensabile che ce lo comunichiate tempestivamente (nel form di iscrizione è prevista un’apposita sezione), faremo in modo che venga creato un menù ad hoc e faremo attenzione che tuo figlio non assaggi nulla che possa fargli male.

Non ho la tessera Arci, mio figlio può partecipare comunque alla vostra Cinema Summer School?
Certamente, con la Cinema Summer School sarà tuo figlio a diventare socio Arci e a scoprire l’esperienza associativa. La tessera per i genitori è utile nel caso in cui vogliate prendere un caffè o fare merenda all’Arteficio. 

Cosa non è incluso nel contributo per l’iscrizione?
Non sono inclusi i biglietti per i mezzi pubblici e la merenda di metà mattina

Come posso sapere cosa farete durante la settimana?
Ogni lunedì vi sarà consegnato il programma dettagliato delle uscite, se lo vorrete sarete inseriti in un gruppo WhatsApp e potrete seguire le attività attraverso il blog sul nostro sito.