BELFAST | Yesterday (all The Troubles seemed so far away)

Regia: Kenneth Branagh

Anno: 2021

Produzione: Regno Unito

una recensione a cura di Elena Pacca

Siamo nel 1969: la luna è la conquista più lontana che l’uomo abbia sognato, agognato e finalmente realizzato.
Siamo a Belfast dove cattolici e protestanti se le danno di santa ragione in una guerra a km zero. E mai posto più pericoloso e insicuro è il regno delle sicurezze di Buddy, 9 anni – immaginifico alter ego di Kenneth Branagh. Un universo circoscritto e chiuso dalla topografia di poche strade, incroci, case e negozi che sono il mondo al di là del quale c’è l’ignoto, paesi lontanissimi, il Canada o l’Australia, dove, forse, si mangiano i canguri alla brace. Il bianco e nero contrastato traccia i confini di quell’antagonismo civile e religioso estraneo al cuore di un bambino, che si innamora della cattolicissima Catherine, ma così presente in chi, un po’ più cresciuto, deve fare i conti con la ferocia quotidiana, con la vera guerriglia urbana, che trasforma il coperchio zincato del bidone della spazzatura usato da scudo nel gioco di strada di Buddy a vera e propria arma di difesa di sua madre, quando nella stessa strada irrompe la polizia. 

La dimensione ludica e la dimensione bellica si sovrappongono senza soluzione di continuità, quando su quelle stesse strade dove sino ad un attimo prima giocano, si inseguono o semplicemente tornano da scuola i bambini, si innalzano barricate di fortuna, ci si chiude prudentemente in casa, si organizzano turni di guardia. Il pericolo imminente e immanente – nel senso che tutto può succedere e all’improvviso – è una sorta di normalità per Buddy, ma non lo è per i suoi genitori, che, pur con i dovuti distinguo, con le paure rappresentate dall’affrontare una nuova e sconosciuta realtà, iniziano a considerare l’ipotesi di lasciare Belfast, nemmeno l’Irlanda, ma una città che è un cuore sì ferito, ma che è il cuore pulsante delle loro vite, degli affetti, di quel senso di cura e protezione reciproca messa in atto da un’intera comunità nei confronti di tutti quelli che di quella comunità fanno parte. Senza sentimentalismo, ma con il fortissimo portato dei sentimenti, il film si costruisce con la potenza dei ricordi. Intrisi di un’epica narrativa dai tratti avventurosi, ma scevra dell’enfasi mitizzante, condensata nei particolari, nei microepisodi che dettano il ritmo ed i capitoli di una storia a venire.

Il colore buca lo schermo con i film al cinema, dove tutta la famiglia si accorda allo stupore di Buddy, in una circolarità emozionale che attraversa all’unisono, come una scarica di corrente elettrica, tutte le generazioni presenti. Il colore è poi sulla Belfast di oggi, così diversa, ormai, così moderna e integrata con il mondo di fuori.

“A chi è rimasto, a chi se ne è andato e a chi si è perso” dà il senso di una presa d’atto con il passato, una riconciliazione laica. Con un lascito che rende omaggio alla Storia maiuscola e alle storie minute e personali, ci si ricorda di tutti. Quale che sia la scelta compiuta. Quale che sia il destino che quella scelta ha determinato. Quale che sia ciò che si è diventati da grandi. Grazie a Belfast, nonostante Belfast.

[Bonus track – Per i torinesi un inaspettato cortocircuito visivo: la statua che inizialmente compare per un attimo di fronte all’Università di Belfast è dello stesso autore, lo scultore francese Marc Didou, di quella posta di fronte a Palazzo Nuovo]

BABELICA APS
associazione di promozione
sociale e culturale
no profit affiliata ARCI
Via Pacinotti 29 Torino

Accedi ai corsi online!

Newsletter

Agenda

  • DERRY LAB - MASTERCLASS SCRITTURA
    4 Luglio 2022 @ 21:00 - 23:00
    Dettagli

  • DERRY LAB - MASTERCLASS SCRITTURA
    11 Luglio 2022 @ 21:00 - 23:00
    Dettagli

  • Cinecritici
    12 Luglio 2022 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • DERRY LAB - MASTERCLASS SCRITTURA
    18 Luglio 2022 @ 21:00 - 23:00
    Dettagli

  • DERRY LAB - MASTERCLASS SCRITTURA
    25 Luglio 2022 @ 21:00 - 23:00
    Dettagli

  • DERRY LAB - MASTERCLASS SCRITTURA
    1 Agosto 2022 @ 21:00 - 23:00
    Dettagli

Scegli il tuo corso e partecipa alla nostra raccolta fondi su Eppela per sostenere il Festival Matota!