associazione di promozione sociale

[SPECIALE] IL SOL DELL’AVVENIRE | Moretti non si arrende: il cinema deve vivere

Regia: Nanni Moretti

Anno: 2023

Produzione: Italia

una recensione a cura di Deborah Gallo

“Lontano, lontano nel tempo” cantava Tenco, come quel cinema per cui Nanni Moretti sembra provare profonda nostalgia, seppur messa in scena, come sempre, in maniera ironica. Sì, perché mentre guardiamo Il sol dell’avvenire camminiamo in bilico tra la rievocazione beffarda del disgusto per i sabot (assolutamente morettiano) e il ricordo struggente della madre del regista, che cita diverse volte nel film.

Così come François Truffaut in Effetto notte interpretava se stesso mentre tenta di portare a termine una pellicola nata sotto i peggiori auspici, Moretti ne Il sol dell’avvenire impersonifica Giovanni, anch’egli regista, impegnato a girare un film intriso d’infinite problematiche. Il cinema di oggi sembra essere sospeso — ci comunica il co-produttore — come sul trapezio di un circo, in aria, e pare che nessuno possa sapere quale sarà la sorte che lo attende. I toni della pellicola, infatti, sono piuttosto critici e malinconici e, a tratti, celano una sfiducia nella cinematografia odierna. I film di oggi per Giovanni — e Moretti — sono rappresentanti di una violenza idealizzata, priva di consistenza e significato; superficiale e fine a se stessa, che induce lo spettatore ad adulare la ferocia, la crudeltà, invece che allontanarlo da quello stereotipo di comportamento brutale.

Ma Giovanni non si arrende e nonostante le difficoltà tenta, con caparbietà, di portare a termine il suo lavoro. È proprio nella rappresentazione di tale ostinazione che è ritratto, in maniera chiara e impetuosa, l’amore smisurato di Moretti per il cinema.

Un cinema atto a mandare un messaggio accurato, evidente; mai fine a se stesso, sempre pronto a trasmettere allo spettatore — a volte anche imponendosi — un’ideologia inequivocabile, un pensiero preciso, netto ed esplicito.

Battiato, De André, Tenco permeano la pellicola di un sentimento nostalgico; una sensazione di tristezza e, al contempo, di felicità. Nanni Moretti la sente tutta la malinconia dell’Italia del passato, quella che andava al cinema a vedere La dolce vita di Fellini. Ma è l’ostinazione a fare da padrona; la caparbietà con la quale Nanni prova, ancora una volta, a creare un prodotto valido, che possa indurre l’Italia di oggi a tornare al cinema, a non abbandonare la sala, le sedie rosse e il grande schermo nero. Il segreto è riposto nella danza di gruppo che, ogni volta, prende piede dopo le parole Ciak, Azione. Esse non sono altro che sinonimo di felicità, rappresentazione massima del momento essenziale: quello in cui si dà inizio al film, si colora la pellicola di fotogrammi, prende vita la creazione.

Il sol fdellavvenire img 1 deborah
BABELICA APS
associazione di promozione
sociale e culturale
no profit affiliata ARCI
Via Fossano 8 Torino

Accedi ai corsi online!

Newsletter

Agenda

  • Gruppo Filosofia
    16 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • Progetto lettura Leggere per imparare
    16 Aprile 2024 @ 16:30 - 18:00
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    16 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Sylvia Plath corso di Paola Zoppi
    17 Aprile 2024 @ 20:30 - 22:30
    Dettagli

  • Zaino del partigiano a Rivalta Biblioteca
    20 Aprile 2024 @ 10:45 - 12:00
    Dettagli

  • Festa di Cartiera
    20 Aprile 2024 @ 15:00 - 19:00
    Dettagli

  • “The worker’s jazz quintet” per la rassegna The Working Class Stories
    20 Aprile 2024 @ 18:00 - 19:00
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    23 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    23 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Mosche di Valentina Santini aperitivo + presentazione
    23 Aprile 2024 @ 19:30 - 21:30
    Dettagli

  • Prima nazionale del romanzo Mosche di Valentina Santini
    23 Aprile 2024 @ 20:00 - 21:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    30 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    30 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • La piccininna con Silvia Montemurro e il gruppo di lettura
    5 Maggio 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    7 Maggio 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Grattini, Il gregge
    9 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:00
    Dettagli

  • Presentazione Davide Grittani, Il Gregge edizioni Alterego - Presenta Piero Ferrante
    10 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:15
    Dettagli

  • Presentazione Piegiorgio Pulixi in occasione del SalTooff
    11 Maggio 2024 @ 18:00 - 19:30
    Dettagli

  • Presentazione Trudy Carlotto presso Volere la Luna SalToOf
    12 Maggio 2024 @ 19:30 - 20:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    14 Maggio 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli