associazione di promozione sociale

LICORICE PIZZA | Odi et amo

Regia: Paul Thomas Anderson

Anno: 2021

Produzione: Stati Uniti d’America

una recensione a cura di Alessandro Sapelli

È un film di sensazioni ed emozioni l’ultima perla proposta al grande pubblico da Paul Thomas Anderson, uno degli autori americani più originali ed interessanti della sua generazione. Licorice Pizza, titolo che richiama una catena di negozi dischi di cui Anderson era assiduo frequentatore, ci riporta nei luoghi della sua infanzia, la San Fernando Valley dei primi anni ’70. Un incontro fortuito durante le sessioni fotografiche per l’annuario scolastico è la scintilla che darà il via alla relazione amorosa tra i due protagonisti, il giovane Gary (Cooper Hoffman), esuberante quindicenne dall’innato spirito imprenditoriale, e Alana (Alana Heim), venticinquenne rimasta ingabbiata in dinamiche adolescenziali.

La serie di episodi che ne sussegue, solo apparentemente non legati tra loro, rende perfettamente l’idea dell’amore giovanile in tutta la sua trasparenza: un costante moto di attrazione e repulsione, un valzer fatto di continui avvicinamenti e allontanamenti tra le parti. È un sentimento che pervade le vite dei due giovani protagonisti, e che li porta, spesso di corsa, a ritornare sempre sulla via maestra nonostante tante deviazioni inattese. Anche a costo di discendere in retromarcia le colline di Los Angeles con un camion. Sebbene la struttura della pellicola sia fortemente antinarrativa, quasi collocata fuori dal tempo, il mix di elementi portati in scena è talmente magnetico da impedire allo spettatore di distogliere lo sguardo dalle vicende dei due, quasi sperando che quell’amore non si concretizzi mai definitivamente.

Licorice Pizza img 2 ale

La scelta dei due attori protagonisti, entrambi esordienti, risulta decisamente azzeccata e fa passare in secondo piano l’utilizzo quasi forzato, al limite del cameo, di volti molto più noti (solo Bradley Cooper, nella parte di Jon Peters, ruba parzialmente la scena ai due in una lunga sequenza scanzonata e dissacrante). Cooper Hoffman incarna benissimo la spavalderia dell’adolescente sotto bombardamento ormonale e la figura dell’american dreamer, capace di saltare in modo agevole dalla vendita di materassi ad acqua al business delle sale da flipper. Alana Heim stupisce per la disinvoltura con cui interpreta il ruolo della giovane donna desiderosa di emanciparsi dal proprio retaggio familiare.
Ma ciò che funziona di più è la perfetta alchimia tra i due, un sottile filo nascosto che genera elettricità quando sono entrambi in scena e che non si spezza mai quando divergono in altre direzioni.

Il tocco di Paul Thomas Anderson non è mai stato così leggero e spensierato: ha i colori caldi ma i contorni leggermente indefiniti di un ricordo d’infanzia. La sua è un’operazione che ha echi dell’ultimo Tarantino ma anche del quasi omonimo Wes, per come contrappone la purezza della giovane età con la tristezza disillusa del mondo degli adulti: in particolare per Alana, la storia d’amore con Gary è l’unico porto sicuro in cui fuggire da esperienze per lei asfissianti come quelle nel cinema o nell’attivismo politico.
La grandezza di PTA sta nell’esser riuscito a realizzare un’opera fortemente personale (per la ricostruzione dettagliata del substrato sociale e culturale in cui è cresciuto) ma allo stesso tempo universale, per la capacità di far rivivere allo spettatore determinate vibrazioni con un pizzico di nostalgia. Un film che, per caratteristiche, difficilmente farà presa sul grande pubblico, ma in grado di scaldare il cuore come pochi altri.

Licorice Pizza img 1 ale
BABELICA APS
associazione di promozione
sociale e culturale
no profit affiliata ARCI
Via Fossano 8 Torino

Accedi ai corsi online!

Newsletter

Agenda

  • Tanta fatica per nulla la regola della precarietà con Edi Lazzi - Working class Stories
    14 Aprile 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    16 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • Progetto lettura Leggere per imparare
    16 Aprile 2024 @ 16:30 - 18:00
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    16 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Sylvia Plath corso di Paola Zoppi
    17 Aprile 2024 @ 20:30 - 22:30
    Dettagli

  • Zaino del partigiano a Rivalta Biblioteca
    20 Aprile 2024 @ 10:45 - 12:00
    Dettagli

  • Festa di Cartiera
    20 Aprile 2024 @ 15:00 - 19:00
    Dettagli

  • “The worker’s jazz quintet” per la rassegna The Working Class Stories
    20 Aprile 2024 @ 18:00 - 19:00
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    23 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    23 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Mosche di Valentina Santini aperitivo + presentazione
    23 Aprile 2024 @ 19:30 - 21:30
    Dettagli

  • Prima nazionale del romanzo Mosche di Valentina Santini
    23 Aprile 2024 @ 20:00 - 21:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    30 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    30 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • La piccininna con Silvia Montemurro e il gruppo di lettura
    5 Maggio 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    7 Maggio 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Grattini, Il gregge
    9 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:00
    Dettagli

  • Presentazione Davide Grittani, Il Gregge edizioni Alterego - Presenta Piero Ferrante
    10 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:15
    Dettagli

  • Presentazione Piegiorgio Pulixi in occasione del SalTooff
    11 Maggio 2024 @ 18:00 - 19:30
    Dettagli

  • Presentazione Trudy Carlotto presso Volere la Luna SalToOf
    12 Maggio 2024 @ 19:30 - 20:30
    Dettagli