associazione di promozione sociale

NOSTALGIA | Ricordi e sentimento

Regia: Mario Martone

Anno: 2022

Produzione: Italia, Francia

una recensione a cura di Tiziana Garneri

Mario Martone, regista cinematografico, teatrale e sceneggiatore, a partire dal bellissimo Morte di un matematico napoletano del 1992 continua a raccontarci della sua Napoli, città che conosce e ama profondamente.
Ci parla di Felice (da adulto: Pierfrancesco Favino), che da scugnizzo aveva vissuto nel Rione Sanità, passandovi infanzia e adolescenza, commettendo bravate, piccoli crimini, furtarelli, scorrazzando sul motorino con l’amico fraterno Oreste (da adulto: Tommaso Ragno)

Nostalgia img 1 liliana

A seguito di un furto in una casa apparentemente deserta, Felice e Oreste si erano trovati dinanzi al proprietario, che Oreste aveva ucciso colpendolo alla testa.
Il caso fu archiviato, non individuatosi il colpevole. Le strade dei due giovani si erano divise.
Perché, come dice Martone, a Napoli o si va via o si diventa camorristi.
Felice, infatti, emigra all’estero: Libano, Sud Africa, Egitto, al Cairo, dove impianta una fiorente attività, vivendo in una bella casa con una bella moglie.
Oreste invece diventa O’ Malommo, feroce e temuto camorrista latitante, continuando a vivere in Rione Sanità, protetto dalla sua banda, uscendo la notte tutto vestito di nero come un fantasma, perseguendo la strada del crimine.
Dopo quarant’anni Felice torna a Napoli per vedere un’ultima volta la vecchia madre, accudendola con amore sino alla morte.
Espletata questa incombenza, qualcosa gli impedisce di tornare al Cairo…
Inizia a girovagare per Napoli, riscoprendo angoli mai dimenticati, cristallizzati nei ricordi, con stupore e piacere ritrovando le sue radici e parti di sé. Napoli non è poi così diversa dal Cairo, pensa.
Favino è un ottimo attore nel renderci partecipi dei moti del suo animo, ove il passato riaffiora prepotente, nei suoi colori smaglianti come una sirena che lo paralizza.
Ha imparato l’arabo, si è convertito alla religione islamica, ma Napoli è magica nel far riaffiorare la parlata napoletana, all’inizio stentata, via via più fluida, perché anche la lingua è cristallizzata nel suo cuore. Un po’ timoroso all’ inizio, egli riprende a bere il vino e chiacchiera volentieri col prete.
Notevole è la fotografia di Paolo Carnera nell’inquadrare squarci della Napoli verace, coi suoi vicoli stretti, le case fatiscenti, la biancheria stesa: la città non solo la vediamo, ma sentiamo il rombo dei motorini, quasi ne percepiamo gli odori.
La Napoli che “sta sopra” e quella che “sta sotto”, delle catacombe e della “valle dei morti”. Sia nelle riprese diurne sia in quelle notturne, quasi inquietanti, è bellissima.
Felice percorre lentamente le strade del suo rione, assaporando ogni particolare.
Il rione è posto pericoloso, una sorta di far west, è imprudente addentrarvisi.
“Chi non si è perso, non si possiede”: la coscienza sta nella nostalgia, ci ricorda Pasolini nell’esergo del film.

In Felice il richiamo della città è così forte al punto da voler acquistar casa e trasferirsi. Ma quando parla della sua passata amicizia con Oreste, anche col prete, la risposta è sempre un “vatténne! Non è posto per te vivere qui, troppo pericoloso”.

Nostalgia img 1 tiziana

Questo, tuttavia, non è solo un film sulla nostalgia, ma anche sull’amicizia.
Almeno per Felice, che non ha mai dimenticato l’amico. Lo dimostra una foto scolorita e spiegazzata che tiene nel portafoglio e che ritrae i due amici sullo stesso motorino. Il desiderio di rivederlo è così forte che seppure aleggi sempre il “vatténne!”, Felice ottiene di incontrarlo.
Oreste è molto invecchiato, i capelli bianchi, un pallido ricordo di quel ragazzone biondo che faceva con lui scorribande.
“Vatténne” si sente dire ancora una volta, un tentativo che ha qualcosa di umanità per risparmiargli la vita. Per Felice i sentimenti non sono cambiati, forse vuole scusarsi della sua vigliaccheria per essere scappato, lasciando l’altro solo, anche se il caso è stato archiviato in ritagli polverosi di vecchi giornali, per Oreste non è così.
Egli si è sentito tradito e per il tradimento non vi è pietà. Un abisso li divide. La vita li ha forgiati diversamente. Felice si rifiuta di comprendere. Torna al rione Sanità, ove in una notte coi vicoli mal illuminati, muore per mano di Oreste, che ritrova quella foto sbiadita e sgualcita di due ragazzi che scorrazzavano su un motorino.
Nostalgia è un film semplice ma pieno di umanità, ove il regista scandaglia con minuzia sensazioni e sentimenti, senza scadere nel melodramma o nello scontato. Ove presente e passato dentro l’animo si confondono. Dove, a mio modesto parere, solo un regista napoletano può creare così bene una certa atmosfera, ricreando il fascino di un’intera città, con le sue luci e le sue ombre.

Nostalgia img 2 tiziana
BABELICA APS
associazione di promozione
sociale e culturale
no profit affiliata ARCI
Via Fossano 8 Torino

Accedi ai corsi online!

Newsletter

Agenda

  • Tanta fatica per nulla la regola della precarietà con Edi Lazzi - Working class Stories
    14 Aprile 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    16 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • Progetto lettura Leggere per imparare
    16 Aprile 2024 @ 16:30 - 18:00
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    16 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Sylvia Plath corso di Paola Zoppi
    17 Aprile 2024 @ 20:30 - 22:30
    Dettagli

  • Zaino del partigiano a Rivalta Biblioteca
    20 Aprile 2024 @ 10:45 - 12:00
    Dettagli

  • Festa di Cartiera
    20 Aprile 2024 @ 15:00 - 19:00
    Dettagli

  • “The worker’s jazz quintet” per la rassegna The Working Class Stories
    20 Aprile 2024 @ 18:00 - 19:00
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    23 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    23 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Mosche di Valentina Santini aperitivo + presentazione
    23 Aprile 2024 @ 19:30 - 21:30
    Dettagli

  • Prima nazionale del romanzo Mosche di Valentina Santini
    23 Aprile 2024 @ 20:00 - 21:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    30 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    30 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • La piccininna con Silvia Montemurro e il gruppo di lettura
    5 Maggio 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    7 Maggio 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Grattini, Il gregge
    9 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:00
    Dettagli

  • Presentazione Davide Grittani, Il Gregge edizioni Alterego - Presenta Piero Ferrante
    10 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:15
    Dettagli

  • Presentazione Piegiorgio Pulixi in occasione del SalTooff
    11 Maggio 2024 @ 18:00 - 19:30
    Dettagli

  • Presentazione Trudy Carlotto presso Volere la Luna SalToOf
    12 Maggio 2024 @ 19:30 - 20:30
    Dettagli