associazione di promozione sociale

[SPECIALE VISIONI SARDE 2022] MAMMARANCA

Francesco Piras (Cagliari, 1978) è un regista, direttore della fotografia e fotografo. Formatosi con il direttore della fotografia Luca Bigazzi, è autore di numerosi progetti internazionali per noti marchi come BMW, Rolls Royce, Bugatti, Lamborghini, Kidston. Nel 2014 vince il Food Film Fest con il documentario “Ca’ Lumaco”. Nel 2015 ha girato un documentario dal titolo “30 Piedi Sotto il Mare” andato in onda su RAI2. Nel 2016 ha lavorato con Anthony La Molinara per “Iskìda of the Land of Nurak” – teaser ufficiale. Nel 2019 è stato candidato al David di Donatello Awards 2019 con il suo cortometraggio “Il Nostro Concerto”. Sta preparando il suo primo lungometraggio tratto dal romanzo “Chiedo Scusa” scritto da Francesco Abate e Valerio Mastandrea.

Una delicata storia di infanzia difficile sullo sfondo di una Cagliari di periferia, rappresentata con una bella fotografia. Due ragazzini dediti a piccoli furtarelli nei negozi della zona, entrano in possesso di un gratta e vinci che garantisce una piccola vincita o – grattando un’ultima finestrella e rischiando di non ottenere nulla – una somma molto maggiore. I tentativi di sbrogliare la matassa dell’incertezza sul cosa fare rischieranno di risolversi in una tragedia e saranno l’occasione di dimostrare il valore dell’amicizia e della speranza altruistica.
Mammarranca è il nome di un canale che prende il nome da un essere fantastico che ghermisce i bambini che giocano vicino alle acque ed è simbolo – in questo caso – sia del fascino della trasgressione, sia dei potenziali pericoli.

Chiara Lepschy e Giuseppe Minerva

Cagliari, l’amicizia, l’estrema libertà di due ragazzini, Giaime e Michi, lungo giornate all’apparenza sempre uguali e sempre cariche di avventure e giochi temerari. Un piccolo spaccato di vite in corso d’opera, genitori, poco presenti, e dove crescere in fretta è una necessità più che un volere. Erede di quel gioiello che è Bellas Mariposas, prima nelle parole di Sergio Atzeni e poi nella meravigliosa messa in scena di Salvatore Mereu, questo cortometraggio di Francesco Piras si colloca nel solco di un naturalismo sincero, espressivamente potente nella rarefazione delle immagini, nell’alternanza di dialoghi spontanei e di momenti contemplativi dove la meraviglia dei bambini, con lo sguardo perso su un nulla che è tutto, è ancora un antidoto efficace e salvifico contro la durezza di ciò che devono affrontare, spesso soli e dove lo scenario urbano è una realtà alienante, ma potendo contare su un solido legame amicale. Una specie di totem ligneo dalle sagome alla Depero, si fa custode di un pegno che, sospinto dal vento, nel canale Mammarranca vale una salvezza. O così è bello credere.

Elena Pacca

Visivamente potente, Mammaranca è un titolo in cui le immagini parlano sopra ogni cosa. Supportato da due giovanissimi e formidabili attori, il corto di Francesco Piras è un racconto di formazione e un passaggio prematuro all’età adulta, dove il senso del crescere prende la forma dell’emancipazione dalla concretezza asettica e plumbea del mondo materiale verso il colore delle emozioni e dei legami. I sogni entrano nel primo territorio innescando un caos minaccioso e pericoloso (come il fantasmatico mostro Mammaranca) che trasformerà per sempre i sopravvissuti. Sullo sfondo, l’ultimo residuo apocalittico del passato, il biglietto coi tre pappagalli, affonda e scompare, portandosi con sé tutto ciò che poteva (forse) essere e non sarà mai. Chiusura su una “piccola” telefonata, senza concessioni emotive né retoriche. Tutto è già stato detto.

Alessandro Cellamare

BABELICA APS
associazione di promozione
sociale e culturale
no profit affiliata ARCI
Via Fossano 8 Torino

Accedi ai corsi online!

Newsletter

Agenda

  • Gruppo Filosofia
    23 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    23 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Mosche di Valentina Santini aperitivo + presentazione
    23 Aprile 2024 @ 19:30 - 21:30
    Dettagli

  • Prima nazionale del romanzo Mosche di Valentina Santini
    23 Aprile 2024 @ 20:00 - 21:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    30 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    30 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • La piccininna con Silvia Montemurro e il gruppo di lettura
    5 Maggio 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    7 Maggio 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Grattini, Il gregge
    9 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:00
    Dettagli

  • Presentazione Davide Grittani, Il Gregge edizioni Alterego - Presenta Piero Ferrante
    10 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:15
    Dettagli

  • Presentazione Piegiorgio Pulixi in occasione del SalTooff
    11 Maggio 2024 @ 18:00 - 19:30
    Dettagli

  • Presentazione Trudy Carlotto presso Volere la Luna SalToOf
    12 Maggio 2024 @ 19:30 - 20:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    14 Maggio 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli