associazione di promozione sociale

STRANGE WAY OF LIFE | Queers as Folk!

Titolo originale: Extraña forma de vida
Regia: Pedro Almodóvar
Anno: 2023
Produzione: Spagna

una recensione a cura di Elena Pacca

Trentunminuti imbastiti con sano divertimento da Pedro Almodóvar, che dopo La voce umana, protagonista Tilda Swinton e la Maison Balenciaga, ora rilancia con Anthony Vaccarello, direttore creativo di Yves Saint Laurent e due protagonisti assai mirabilmente assortiti: Ethan Hawke e Pedro Pascal: affilato il primo, stropicciato il secondo.

Come tutti gli ambienti a netta dominanza maschile, dove il machismo superomistico si coniuga con onore, dovere, orgoglio, riscatto, vendetta, il vecchio far west è lo scenario ideale per ambientare una storia di corrispondenza di amorosi sensi fra uomini sensuali e messi a nudo ma non spogliati dei rispettivi sentimenti.  Un incontro dopo tanto tempo, lontano anni luce da un’esuberante giovinezza. Casualità? Volere? Necessità?

Strange Way of Life img 1 elena

L’amore talvolta diverge sullo sguardo verso cui posiamo il nostro futuro. Verso quel luogo dove un teletrasporto immaginifico ci trasferisce nei giorni a venire. Così Jake e Silva abitano, non solo fisicamente, luoghi diversi che mai si potranno conciliare. Nonostante la tensione amorosa che, pur dopo così tanti anni, allerta sensi, emozioni e un’attrazione carnale che sfida le regole del tempo.

Ethan Hawke – presi in prestito i panni dello sceriffo dal recente The Kid di Vincent D’Onofrio dove è Pat Garrett in un altro mitico conflitto duale con il bandito Billy the Kid più volte rappresentato – sembra rassegnato, arreso a una vita che non concede null’altro che il dovere, Pedro Pascal nutre comunque la speranza di una svolta un cambio di rotta, un coronamento di un sogno lontano e al tempo stesso tangibile che si rende possibile in una sorta di dinamica alla Misery non deve morire quando si presenta l’occasione di “imprigionare” e accudire il suo amato.

Strange Way of Life img 2 elena

Un duello che prima che con le armi è giocato sul filo degli sguardi, del sotteso, dell’impeto che ben delinea la caratterizzazione di Ethan Hawke e Pedro Pascal. Algido il primo, ferreo nel suo essere implacabile nonostante tutto e passionale e romantico il secondo, tormentato da un conflitto interiore straziante e devastante. È un conflitto classico tra apollineo e dionisiaco (e la scena del vino che scende sui volti di Jake e Silva giovani, dell’ubriacatura e della sbornia sensoriale ne è una puntuale rappresentazione), in cui nessuno cede, ognuno si mantiene fedele alla propria natura, entrambi irriducibili nella consapevolezza di arrecare dolore loro malgrado.

I tempi ristretti non minano la coerenza filmica, nessuna parvenza di frettolosità, ma anzi una completezza che potrebbe preludere ad altri capitoli ma che nulla toglie in compiutezza a questa storia dove ciascuno perde e ha perso qualcosa rinunciando a quel tratto di vita che possa dirsi degna di essere vissuta. Rimane un lascito malinconico dato dall’affastellarsi di ricordi, di sensazioni ed emozioni dimenticate o rimosse che risalgono in superficie con prepotenza, sfidando la pelle, i sensi e la mente, innescando un’inevitabile nostalgia del futuro.

[Ai titoli di coda segue una lunga intervista a Pedro Almodóvar, che risponde con il piacere di narrare un altro po’ di sé, senza saccenza o pedanteria ma con la certezza di raccontare una vita portentosa e ammirata dei tanti maestri che hanno attraversato direttamente o indirettamente il suo cammino].
Strange Way of Life img 3 elena
BABELICA APS
associazione di promozione
sociale e culturale
no profit affiliata ARCI
Via Fossano 8 Torino

Accedi ai corsi online!

Newsletter

Agenda

  • Tanta fatica per nulla la regola della precarietà con Edi Lazzi - Working class Stories
    14 Aprile 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    16 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • Progetto lettura Leggere per imparare
    16 Aprile 2024 @ 16:30 - 18:00
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    16 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Sylvia Plath corso di Paola Zoppi
    17 Aprile 2024 @ 20:30 - 22:30
    Dettagli

  • Zaino del partigiano a Rivalta Biblioteca
    20 Aprile 2024 @ 10:45 - 12:00
    Dettagli

  • Festa di Cartiera
    20 Aprile 2024 @ 15:00 - 19:00
    Dettagli

  • “The worker’s jazz quintet” per la rassegna The Working Class Stories
    20 Aprile 2024 @ 18:00 - 19:00
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    23 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    23 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Mosche di Valentina Santini aperitivo + presentazione
    23 Aprile 2024 @ 19:30 - 21:30
    Dettagli

  • Prima nazionale del romanzo Mosche di Valentina Santini
    23 Aprile 2024 @ 20:00 - 21:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    30 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    30 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • La piccininna con Silvia Montemurro e il gruppo di lettura
    5 Maggio 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    7 Maggio 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Grattini, Il gregge
    9 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:00
    Dettagli

  • Presentazione Davide Grittani, Il Gregge edizioni Alterego - Presenta Piero Ferrante
    10 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:15
    Dettagli

  • Presentazione Piegiorgio Pulixi in occasione del SalTooff
    11 Maggio 2024 @ 18:00 - 19:30
    Dettagli

  • Presentazione Trudy Carlotto presso Volere la Luna SalToOf
    12 Maggio 2024 @ 19:30 - 20:30
    Dettagli