Narcos, droghe e giornalismo investigativo attraverso tre libri che amiamo

35morti zero 4640_DonWinslow_1246399842

 

Narcos, droghe e giornalismo investigativo attraverso tre libri che amiamo

 

35 morti – Sergio Alvares – Ed. La Nuova Frontiera

Un romanzo costato quindici anni di lavoro ad Alvares. Non tutti di scrittura ma di ricerca e scavo, fra le piaghe della Colombia contemporanea, a stretto contatto con gioie ma soprattutto dolori della storia quando non è ancora tale ma sta finendo di essere cronaca e si trova in un limbo molto poco definibile. Uno stile di scrittura “crudo e realista” dice la quarta di copertina. In realtà la narrazione è fluida e veloce, spesso divertente, ironica, in una prima persona al tempo stesso partecipata e distaccata, il più delle volte rassegnata, ma…

Read moreNarcos, droghe e giornalismo investigativo attraverso tre libri che amiamo

Visioni Pop – La rubrica 2

IMG_4677

Visioni Pop LA RUBRICA 

TARANTINO, IL B-Movie e la reinvenzione dei generi 

CINEMA DI IERI AMERICA DI OGGI

Il discorso svolto da un film come Django Unchained riguarda l’America di oggi, ma anche una chiave culturale che consente di abbracciare un intero modello di civiltà, osservato nella sua prospettiva storica (vedi l’utilizzo del tema musicale “Nicaragua”, presente in Sotto tiro del 1983, in cui si fa riferimento al postcolonialismo novecentesco yankee in America Latina).

Read moreVisioni Pop – La rubrica 2

This Land is Your Land, This Music is Your Music!

Il Banjo di Pete Seeger
Il Banjo di Pete Seeger

L’altra volta vi ho detto che la musica americana non esiste.

Lo so, non mi rimangio la parola.

Effettivamente, se si guarda alle origini delle varie musiche popolari, c’è ben poco di “nativo”, ma tra le varie influenze (africane ed europee) c’è una cosa che è solo americana, che riveste un’importanza vitale e che non si può cancellare.

Il paesaggio.

Le distanze infinite, le praterie, i canyon, le montagne.

E queste cose hanno reso unica la musica che si è sviluppata nel “nuovo” continente.

Altrettanto hanno fatto le storie delle persone.

Storie di schiavi, di lavoratori, di reietti, di vagabondi, di viaggi, di panorami mozzafiato, di treni, di eroi, di assassini.

La tripletta musicale di oggi vede quindi come protagonisti i cantastorie, i cantautori di protesta, coloro che hanno saputo – meglio di tutti – raccontare queste storie e, chiaramente, i protagonisti delle storie stesse.

Read moreThis Land is Your Land, This Music is Your Music!