IL BUCO | Esordio con metafore: homo homini lupus

una recensione a cura di Tiziana Garneri GALDER GAZTELU-URRITA, giovane regista basco, al suo primo lungometraggio, ma alla sua terza opera complessiva (913 nel 2004, La casa del lago nel 2011) confeziona nel 2019 questo film thriller/horror intitolato IL BUCO. Un film con forte connotazione metaforica. Il film si apre con l’immagine di una sontuosa

PARASITE VS SNOWPIERCER | Sguardi diversi sugli stessi temi

una recensione a cura di Tiziana Garneri BONG JOON-HO è un regista sudcoreano classe 1969, laureato in sociologia, che nel 2013 dirige SNOWPIERCER, ispirato alla serie di fumetti francesi di fantascienza post-apocalittica LE TRANSPERCENEIGE.Nel 2019, quindi sei anni dopo, gira PARASITE che come noto, lo consacra a livello mondiale come miglior regista coreano che vince

AD ASTRA | Il viaggio dell’eroe verso se stesso e il suo ritorno a casa

una recensione a cura di Simona Tarantino Piuttosto controverso e dibattuto questo ultimo film di James Gray che ha spaccato la critica in due, riscuotendo consensi e dissensi pari merito ed in maniera molto netta, piace o non piace, colpisce o convince poco: messa in scena e trasposizione di un dramma familiare, un dramma molto

AD ASTRA | Lost per aspera

una recensione a cura di Alessandro Cellamare Ci sono film che andrebbero portati nelle scuole di Cinema e non per le stesse ragioni per cui nelle medesime si proiettano, dinanzi a platee di studenti, sequenze di Quarto Potere o Luci della Città. Ci sono film che sono l’esercizio fondamentale per spiegare perché certe “cose” non

AD ASTRA | Restringere le frontiere per allargare lo sguardo

una recensione a cura di Umberto Mosca Nel 2000 esce un film diretto da Clint Eastwood, forse considerato un po’ minore nella sua filmografia, intitolato “Space Cowboys“, in cui Tommy Lee Jones salva il mondo dalla catastrofe nucleare portando un vecchio satellite fuori controllo a schiantarsi sulla Luna. “Ad Astra“, scritto e diretto da James