associazione di promozione sociale

[TFF40] MAN AND DOG | Siamo umani, corporei, fisici

Titolo originale: Om-Câine

Regia: Stefan Constantinescu

Anno: 2022

Produzione: Romania, Bulgaria, Svezia, Germania

una recensione a cura di Deborah Gallo

Man and dog. Uomo e cane. Lealtà, fedeltà: un rapporto che rifugge dal tradimento e dall’inganno, quello tra questi due esseri viventi.
Doru, il protagonista, e Amza, il suo cane, vivono lontani la maggior parte del tempo, eppure in perfetta armonia. È necessario portare in scena, rappresentare attraverso l’immagine filmica il loro legame: chiaro, naturale, genuino; in modo da comprendere anche quanto sia, invece, antitetico quello tra Doru e sua moglie Nicoleta.

Il protagonista, costretto ad emigrare in Svezia per lavoro, deve allontanarsi dalla moglie e dalla figlia. Le aspettative lavorative spesso non vengono soddisfatte, e come ci si aspetta sarà dunque necessario restare fuori casa per più tempo. Nel frattempo, però, le dinamiche famigliari possono cambiare, alle volte anche drasticamente.
Il regista affronta sapientemente il dramma della lontananza dalla patria e dal nucleo famigliare, della gelosia e dell’incomunicabilità tra l’uomo e la donna, che sembrano non riuscire mai a capirsi, nemmeno quando provano a dialogare, ma che trovano, invece, il loro unico punto di contatto — e di comprensione — nel silenzio, nel non detto, in un abbraccio. Un atto fisico, quindi, che non necessita di interpretazioni, con cui si riesce a trasmettere all’altro la propria inclinazione amorosa, i propri sentimenti nella loro forma più autentica, senza che possano essere distorti, deformati, falsificati dalle parole. Un gesto corporeo, concreto sul quale si basa, anche, il rapporto tra l’uomo ed il proprio cane.

Mand and Dog img 1 deborah

Stefan Constantinescu indaga abilmente le dinamiche di coppia, i conflitti che spesso si creano tra l’uomo e la donna e che talvolta possono essere reali, ma anche immaginari. Doru è tormentato dalla possibile infedeltà di Nicoleta, fatica a rimanere lucido, a mantenersi integro, mentre si affanna alla ricerca di una risposta, e tormenta chiunque pur di risolvere ogni suo dubbio, di venire a conoscenza dei fatti. La macchina da presa di Constantinescu segue il protagonista ininterrottamente, in un moto perpetuo attraverso il quale, seppur seduti sulla poltrona rossa del cinema, riusciamo a percepire ogni fatica, tutto l’affanno, il dolore di un’indagine volta a trovare la verità.

Una verità che alla fine gli consegna Nicoleta stessa e che, dopo tanto rumore, Doru pare ascoltare in un silenzio contemplativo, con arrendevolezza. Nicoleta ammette il tradimento e in una conversazione, surreale quanto grottesca, il protagonista indaga sempre più a fondo, spinge il coltello nella piaga, con un sordo piacere, chiede senza porsi limiti ogni dettaglio del — anzi degli — amplessi della moglie con l’amante. Doru sguazza in quella verità, sembra essere a proprio agio nell’ascolto, non tanto del racconto dell’infedeltà, ma della verità che lui aveva già dato per assodata, a prescindere.

Alla fine, tuttavia, basta un abbraccio, il calore di un contatto fisico, tangibile, concreto, reale, per porre fine ad ogni lotta tra i due, per sentirsi nuovamente amati in maniera reciproca, senza riserve. Si riduce tutto alla necessità di toccarsi, di sentire sotto le mani e sulla pelle il calore del corpo di un altro essere umano, che sia in un abbraccio tra due persone o in una carezza fatta al proprio cane, per comunicare e riuscire a percepire l’amore che lega, indissolubilmente, due esseri viventi.

Mand and Dog img 2 deborah
BABELICA APS
associazione di promozione
sociale e culturale
no profit affiliata ARCI
Via Fossano 8 Torino

Accedi ai corsi online!

Newsletter

Agenda

  • Tanta fatica per nulla la regola della precarietà con Edi Lazzi - Working class Stories
    14 Aprile 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    16 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • Progetto lettura Leggere per imparare
    16 Aprile 2024 @ 16:30 - 18:00
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    16 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Sylvia Plath corso di Paola Zoppi
    17 Aprile 2024 @ 20:30 - 22:30
    Dettagli

  • Zaino del partigiano a Rivalta Biblioteca
    20 Aprile 2024 @ 10:45 - 12:00
    Dettagli

  • Festa di Cartiera
    20 Aprile 2024 @ 15:00 - 19:00
    Dettagli

  • “The worker’s jazz quintet” per la rassegna The Working Class Stories
    20 Aprile 2024 @ 18:00 - 19:00
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    23 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    23 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Mosche di Valentina Santini aperitivo + presentazione
    23 Aprile 2024 @ 19:30 - 21:30
    Dettagli

  • Prima nazionale del romanzo Mosche di Valentina Santini
    23 Aprile 2024 @ 20:00 - 21:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    30 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    30 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • La piccininna con Silvia Montemurro e il gruppo di lettura
    5 Maggio 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    7 Maggio 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Grattini, Il gregge
    9 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:00
    Dettagli

  • Presentazione Davide Grittani, Il Gregge edizioni Alterego - Presenta Piero Ferrante
    10 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:15
    Dettagli

  • Presentazione Piegiorgio Pulixi in occasione del SalTooff
    11 Maggio 2024 @ 18:00 - 19:30
    Dettagli

  • Presentazione Trudy Carlotto presso Volere la Luna SalToOf
    12 Maggio 2024 @ 19:30 - 20:30
    Dettagli