associazione di promozione sociale

[TFF40] RODEO | Ritratto di una giovane in fiamme

Titolo originale: Rodéo

Regia: Lola Quivoron

Anno: 2022

Produzione: Francia

una recensione a cura di Elena Pacca

Da subito siamo investiti e assordati dalle urla e dalla rabbia di Julia. Le hanno appena rubato la sua moto. L’unica cosa che possiede veramente, che può dire che è sua. E’ la sua essenza, la sua anima, il suo modo di rapportarsi con la realtà. In solitaria compagnia di sé stessa, del proprio nomadismo fisico ed emotivo. Siamo in Francia, il mondo è quello del “cross-bitume”, il mondo delle acrobazie su due ruote, senza casco, senza protezioni, senza permesso. Julia/Julie Ledru è una moderna antieroina sans toit ni loi, sola di quella solitudine aggressiva, feroce, quella di chi sa che deve difendersi da sola e contare solo sulle proprie forze. Famiglia assente, fratello che si presta solo per fare la “voce per bene” utile ad irretire i venditori di moto, Julia è una locomotiva lanciata contro il machismo dell’universo circoscritto in cui si esprime.

Rodeo img 1 elena

Quella tribù di bikers estremi, pervasi da un vitalismo ossessivo, innervato dalla fascinazione più o meno consapevole della morte che provoca e irretisce. E che fa piangere e commuovere per la scomparsa dell’amico e fodera di durezza e strafottenza, l’andare oltre, il continuare a rischiare. Julia è nel branco, ma è isolata. È l’unica donna in competizione con gli uomini. Le altre sono solo le ragazze di qualcuno, a metà tra le groupies e le cheer leader, a supporto dei loro maschi alfa. Julia viene ribattezzata la sconosciuta, come se il non attribuirle un’identità servisse agli altri per sbarazzarsene, a ignorarla, o peggio, a chi vorrebbe che sgombrasse il campo. Un tessuto di situazioni pericolose la instradano verso una routine del furto con destrezza, facendosi beffe dei proprietari che hanno messo on line gli annunci di vendita. Poi quel ruolo viene notato da un boss in prigione, prigione attraverso cui controlla e dirige tutto, famiglia compresa. E allora un piano più grande, il coniugato fra abilità e sorpresa, tra la sfida impossibile quasi alla Diabolik e la ricerca del sostegno e dell’approvazione del gruppo.

Fastidiosa Julia. Se dovessimo mai incontrarla sul nostro cammino, malediremmo la sua sfrontatezza, il suo coglionarci sotto il naso, il suo essere ladra, delinquente e pure beffarda. Non le concederemmo sconti e invocheremmo una giustizia giusta e altrettanto cattiva. Non saremmo blanditi dal suo sguardo profondo, vibrante, di sfida aperta alle leggi che governano gli uomini e le cose. Non vorremmo nemmeno sapere il suo dolore, conoscere le sue paure, spartire qualcosa di umanamente solidale con lei. Ci arrabbiamo della sua rabbia, cieca, furiosa, latente e poi esondante, un vulcano in perenne stato di sonno/attività, prevedibile solo nel sapere che prima o poi quella rabbia esploderà. Fantastica Julia che va dritto per dritto lungo la sua strada infischiandosene di tutto e tutti: “Io rubo tutto quello che mi serve. Non mi servono i soldi”. Che accantonerà, nascondendoli con cura.

Rodeo img 2 elena

Non ci sono particolari cromatismi nella storia. Poco luccica, il metallo è roba sverniciata, scorticata, i pezzi di ricambio non sempre originali, ma che figata quando si scopre che su un modello rubato era stato montato un Akrapovic, un Akrà in quel modo tutto francese di troncare e accentare in finale le parole. Le riprese in moto durano il giusto, il tempo necessario per capire cosa sia il cross-bitume e quanto folli siano quelle corse lungo i rettilinei delle strade provinciali, appena il tempo di lanciarsi, sfidarsi, impennare prima che sopraggiunga la polizia. Il personale e il collettivo si alternano in un gioco di spazi equilibrato.

Rodeo è una storia di prigioni e prigionie. Umane, sociali, domestiche, carcerarie: tutte ugualmente costrittive. Un’umanità varia e compressa, soggetti compromessi da quella vita ai margini che li libera e li condanna. Dalla loro la gioventù, che brilla e può essere bruciata in un attimo. Quando l’asfalto si trasforma e non è più il compagno di scorribande adrenaliniche, ma il suolo brutale su cui si schiantano i sogni per sempre, che per qualcuno sarà l’atto finale di un’esistenza dal futuro senza futuro. 

Se Lola Quivoron non avesse ceduto a quel lascito finale troppo edulcorato nella forma più che nella sostanza, se avesse osato di più, aprendo l’acceleratore sullo scandaglio emotivo, sui rapporti sentimentali che restano sempre un passo indietro, trattenuti da una titubanza che concede troppo spazio al gioco di sguardi, forse, avremmo avuto anche noi quel Coup de Coeur che hanno provato i giurati di Cannes.

Rodeo img 3 elena
BABELICA APS
associazione di promozione
sociale e culturale
no profit affiliata ARCI
Via Fossano 8 Torino

Accedi ai corsi online!

Newsletter

Agenda

  • Tanta fatica per nulla la regola della precarietà con Edi Lazzi - Working class Stories
    14 Aprile 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    16 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • Progetto lettura Leggere per imparare
    16 Aprile 2024 @ 16:30 - 18:00
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    16 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Sylvia Plath corso di Paola Zoppi
    17 Aprile 2024 @ 20:30 - 22:30
    Dettagli

  • Zaino del partigiano a Rivalta Biblioteca
    20 Aprile 2024 @ 10:45 - 12:00
    Dettagli

  • Festa di Cartiera
    20 Aprile 2024 @ 15:00 - 19:00
    Dettagli

  • “The worker’s jazz quintet” per la rassegna The Working Class Stories
    20 Aprile 2024 @ 18:00 - 19:00
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    23 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    23 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Mosche di Valentina Santini aperitivo + presentazione
    23 Aprile 2024 @ 19:30 - 21:30
    Dettagli

  • Prima nazionale del romanzo Mosche di Valentina Santini
    23 Aprile 2024 @ 20:00 - 21:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    30 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    30 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • La piccininna con Silvia Montemurro e il gruppo di lettura
    5 Maggio 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    7 Maggio 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Grattini, Il gregge
    9 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:00
    Dettagli

  • Presentazione Davide Grittani, Il Gregge edizioni Alterego - Presenta Piero Ferrante
    10 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:15
    Dettagli

  • Presentazione Piegiorgio Pulixi in occasione del SalTooff
    11 Maggio 2024 @ 18:00 - 19:30
    Dettagli

  • Presentazione Trudy Carlotto presso Volere la Luna SalToOf
    12 Maggio 2024 @ 19:30 - 20:30
    Dettagli