associazione di promozione sociale

Tutti Frutti: Luglio 2021 | A Glance On

un rapido sguardo alle visioni di luglio 2021

I Am Mother – G. Sputore, 2019

Sci-fi alla Philip Dick, I Am Mother è un elegante e sobrio titolo che ha, tra i pregi, quello di bloccare il mistero per l’intera durata della pellicola. Tra l’esistenziale e il thriller canonico, vanta alcuni momenti visivi da non perdere.
Bello e gelido.

Alessandro Cellamare

Oxygène - A. Aja, 2021

Come la sua protagonista, Alexandre Aja sembra ingabbiato da anni negli stessi schemi filmici consolidati.
 Con Oxygène, il regista francese propone l’ennesima variazione sul tema del survival movie, questa volta in chiave fantascientifica.

A far da contraltare alla perizia tecnica con cui il regista riesce a dare dinamismo a situazioni forzatamente statiche, e alla bravura di Mélanie Laurent, che regge quasi da sola sulle proprie spalle il film, una sceneggiatura claudicante, i cui snodi cruciali costringono troppe volte lo spettatore alla sospensione dell’incredulità. 

Sensazione di un’occasione mancata.

Alessandro Sapelli

L’ultima ora – S. Marnier, 2018

Sorta di Villaggio dei dannati a tematiche ambientaliste, corroborato da una netta suspense e inquietudini dark, L’ultima ora è un efficace thriller psicologico cui manca solo una più cattiva definizione dei gelidi giovani antagonisti. Menzione per i due brani degli Zombie Zombie.

Alessandro Cellamare

L – B. Makridis, 2012

Il surreale grottesco di Babis Makridis – forse in generale quello greco? ved. Lobster – non cerca mai di diventare commedia o buffoneria (geniale) come quello francese (Quentin Dupieux), probabilmente debitore storico del Tragico. L ne è fotografia, ma Miserere è altra storia.

Alessandro Cellamare

Colpo di spugna - B. Tavernier, 1981

Film di Tavernier del 1981 tratto dal libro di Jim Thompson Pop. 1280. Diversa ambientazione, identica rappresentazionei del male che giace, più o meno in profondità, dentro ognuno di noi.
Nel caldo e nella luce melliflua dell’Africa di Tavernier, ci immergiamo dapprima nell’indolenza del protagonista (un grande Philippe Noiret), nel suo non prendere posizione, nel suo vile sopportare una umiliazione dopo l’altra. Poi sprofondiamo, sempre insieme a lui, in una sorta di lucida follia e il connivente poliziotto inizia a piacerci di più nella sua veste efferata di angelo sterminatore. Viene a galla l’orrore e allo stesso tempo la tentazione del male, del colpo di spugna.

Donatella Ramondetti

First Cow - K. Reichardt, 2019

È una storia ambientata nell’800.
Cacciatori di pelli e cercatori d’oro.
Un gruppo sta andando all’Ovest, in Oregon, per raggiungere una comunità e cercare fortuna.
Tra loro c’è Cookie, il cuoco, uomo mite e un po’ fuori dal coro che non esita ad aiutare un cinese in fuga, incontrato nel bosco.
Si ritrovano al Forte e i due amici pensano a come avere una vita migliore.
Grazie alla mucca e a un’idea di Cookie iniziano un’attività che diventa in breve redditizia.
Sognano insieme di andare a sud e di fare grandi cose.
Ma le cose diventano difficili.
È una storia girata lentamente, con l’amicizia tra i due uomini come tema principale.
I due attori sono bravissimi e il mito dell’Ovest appare privato di ogni retorica.
Non ci sono eroi.
Ci sono persone comuni che cercano una vita migliore, in un mondo dove regna un potere che fa dei sottoposti ciò che vuole.
Una storia lieve che mostra i limiti dell’individualismo ed esalta l’amicizia.

Maria Elvira Renzetti

A Classic Horror Story – R. De Feo & P. Strippoli, 2021

A Classic Horror Story non è una classic horror story e forse sarebbe stato meglio lo fosse stata. E’ piuttosto un tentativo di parlare dell’horror e giocarci, con esiti devastanti anche pensandolo come sottogenere. Non ci si crede che De Feo sia lo stesso del delizioso The Nest.

Alessandro Cellamare

BABELICA APS
associazione di promozione
sociale e culturale
no profit affiliata ARCI
Via Fossano 8 Torino

Accedi ai corsi online!

Newsletter

Agenda

  • Tanta fatica per nulla la regola della precarietà con Edi Lazzi - Working class Stories
    14 Aprile 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    16 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • Progetto lettura Leggere per imparare
    16 Aprile 2024 @ 16:30 - 18:00
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    16 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Sylvia Plath corso di Paola Zoppi
    17 Aprile 2024 @ 20:30 - 22:30
    Dettagli

  • Zaino del partigiano a Rivalta Biblioteca
    20 Aprile 2024 @ 10:45 - 12:00
    Dettagli

  • Festa di Cartiera
    20 Aprile 2024 @ 15:00 - 19:00
    Dettagli

  • “The worker’s jazz quintet” per la rassegna The Working Class Stories
    20 Aprile 2024 @ 18:00 - 19:00
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    23 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    23 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Mosche di Valentina Santini aperitivo + presentazione
    23 Aprile 2024 @ 19:30 - 21:30
    Dettagli

  • Prima nazionale del romanzo Mosche di Valentina Santini
    23 Aprile 2024 @ 20:00 - 21:30
    Dettagli

  • Gruppo Filosofia
    30 Aprile 2024 @ 14:30 - 16:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    30 Aprile 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • La piccininna con Silvia Montemurro e il gruppo di lettura
    5 Maggio 2024 @ 16:00 - 17:30
    Dettagli

  • E sai cosa vedi 2024
    7 Maggio 2024 @ 19:00 - 21:00
    Dettagli

  • Presentazione Grattini, Il gregge
    9 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:00
    Dettagli

  • Presentazione Davide Grittani, Il Gregge edizioni Alterego - Presenta Piero Ferrante
    10 Maggio 2024 @ 19:00 - 20:15
    Dettagli

  • Presentazione Piegiorgio Pulixi in occasione del SalTooff
    11 Maggio 2024 @ 18:00 - 19:30
    Dettagli

  • Presentazione Trudy Carlotto presso Volere la Luna SalToOf
    12 Maggio 2024 @ 19:30 - 20:30
    Dettagli